Risotto al barolo

Questa e’ una ricetta tipica piemontese, molto delicata e saporita, adatta anche a chi solitamente non beve vino rosso.

Per 4 persone vi serviranno: 300 gr di riso carnaroli, 2 bicchieri di barolo, brodo di carne (ma va bene anche del brodo vegetale, piu’ leggero), 1 cipolla, olio evo, rosmarino, parmigiano.

Affettate molto sottilmente la cipolla e fatela rosolare con un po’ di olio in un tegame. Quando sara’ appassita, unite il riso e lasciatelo tostare per qualche minuto. Aggiungete 1 bicchiere di barolo e lasciate evaporare. Ora aggiungete due mestoli di brodo bollente e girate solo un paio di volte (e’ una leggenda metropolitana che il riso vada continuamente girato. I grandi chef lo girano quasi zero, chiudono il coperchio e lo lasciano cuocere, altrimenti la cuticola dei chicchi si rompe prima della mantecatura).  Aggiungete il brodo all’occorrenza. A fine cottura, invece del brodo, aggiungete mezzo bicchiere di barolo. Spegnete il gas con il risotto ancora al dente. Aggiungete del parmigiano, un filo d’olio (per chi puo’ e vuole, del burro) e mantecate. Impiattate e aggiungete del rosmarino.

Lascia un commento