Crisi, sempre piu’ poveri in Italia

L’indigenza e’ in aumento, e lo sara’ sempre di piu’. In tutto, sono circa 3 milioni e 700mila le persone che si sono rivolte, quest’anno in Italia, alle associazioni caritative. Ci sono trecentomila poveri dichiarati in piu’ dello scorso anno. Un milione in piu’ rispetto al 2010 (Dati Agenzia per erogazione in agricoltura). 

Raccolta, distribuzione, vicinanza. Tre parole chiave. I bisognosi ricevono 100 milioni di prodotti, sotto forma di pacco alimentare o di pasto: si tratta del sovrappiu’ dell’agricoltura, dei ristoranti, delle mense scolastiche, che attraverso le banche alimentari, arriva agli enti caritativi. Un esempio di efficienza tra pubblico e privato, che rischia di saltare: l’Unione Europea ha messo in discussione il finanziamento di 100 milioni di euro. Un gruppo di Paesi, tra cui la Germania, si oppone al programma e vorrebbe interrompere l’attivita’.

Proprio mentre aumenta, in Italia, il numero di assistiti: Campania in testa, seguita da Sicilia e Lazio (solo qui, ci sono 7mila indigenti dichiarati ogni 100mila residenti). E poi, Lombardia, Puglia, Emilia Romagna.

Pensate che circa un milione di tonnellate di cibo sprecato nella filiera agroalimentare, potrebbe ancora essere recuperato.

Le fasce piu’ bisognose sono i bambini sotto ai 5 anni e gli anziani. Hanno bisogno di pasta, biscotti, latte, parmigiano, olio, polpa di pomodoro… e non solo. Hanno bisogno anche di vicinanza, solidarieta’, comprensione, ascolto.

Non dimentichiamoli.

Lascia un commento