Ciambellone arancia, zenzero e cannella

Viste le giornate tragiche che stiamo affrontando, con l’Abruzzo in ginocchio sotto la neve e i terremotati al gelo ad affrontare la paura di ulteriori scosse, viro su temi leggeri per rilassarci un po’. Ho trovato un negozio biologico che vende prodotti sfusi e alla spina e ne sono rimasta molto affascinata. 

Riso, pasta, cereali, legumi, farine, spezie, cosmetici, detergenti per la casa… tutto a Km 0, biologico, con filiera controllata. Un modo per rispettare l’ambiente, visto che sono venduti senza imballaggi (con un risparmio, quindi, non solo sui costi di trasporto, ma anche sulle emissioni inquinanti lungo le strade e nel corso della catena produttiva), per seguire uno stile di vita sostenibile ed ecologico (riducendo la quantità di rifiuti e limitando gli sprechi alimentari) e per contenere le spese (secondo Federconsumatori, il risparmio per una famiglia sui prodotti senza confezioni è di quasi 70 euro al mese, quasi 850 euro l’anno). Tra i vari prodotti sperimentati, ho acquistato anche una farina di riso impalpabile, che ho voluto subito provare in questo ciambellone all’arancia, zenzero e cannella privo di latte e derivati, ma anche di uova. Insomma, vegano.

Gli ingredienti:

100 gr di farina di riso

200 gr di farina di farro integrale

150 gr di succo di agave

100 gr di latte di riso o di soia

80 gr di olio di semi di girasole

80 gr di spremuta di arancia

la scorza di un’arancia bio

15 gr di semi di lino

10 gr di semi di papavero

1 bustina di cremor tartaro (lievito biologico che si trova nei supermercati bio)

cannella e zenzero in polvere

Preparazione:

Tritate finemente i semi di lino e lasciateli riposare per 10′ in un bicchiere con un dito (un quarto circa) di acqua calda. In un contenitore versate le farine, il cremor tartaro, la scorza d’arancia bio grattugiata, cannella e zenzero. Aggiungete il succo di agave e l’olio e mescolate. Aggiungete il latte di riso o di soia e la spremuta di arancia: girate fino ad ottenere un composto liscio e privo di grumi. Dopo 10′ aggiungete i semi di lino con la loro acqua. Ho utilizzato uno stampo in silicone cospargendolo prima di semi di papavero, ma potete usarne uno qualunque oliato e infarinato. Ho fatto cuocere per 30′ con forno caldo a 180 gradi.

Lascia un commento