News »

La strada per Camaldoli

15 luglio 2014 – 17:21 |

Basta la strada per acquietare lo spirito: immersa nel verde, aria frizzantina, silenzio. Ad ogni curva, la promessa di serenità. Il Monastero di Camaldoli risale al 1025 ed è immerso nella suggestiva foresta del Casentino, Appennino …

Leggi l'articolo completo »
E’ la vita, bellezza

Storie di vita

Mens (in)sana in corpore sano
Scheletri di cemento
L’altra enogastronomia
L’angolo della sommelier
Home » E' la vita, bellezza, News

Alex Zanardi: “Tra gli ultimi 10 anni e le gambe, scelgo i primi”

Scritto da – 5 luglio 2012 – 00:52Nessun commento

“La Formula 1 era diventata un’abitudine… avevo bisogno di stare la sera in garage, attaccare l’adesivo… stare lì a pulirlo… a sognare”.

Dalla Formula Uno all’Handbike, dopo un incidente che gli ha portato via le gambe. La passione è il motore interiore di Alex Zanardi, che tra poco parteciperà, a Londra, alla sua prima Paralimpiade: “Un nuovo punto di partenza, che mi fa sentire tutto, tranne che un 45enne!”.

Alex Zanardi non è solo un grande campione, che delle esperienze negative della vita ha fatto una virtù. E’ anche un bravo oratore, abituato alla telecamera dal ruolo recente di conduttore televisivo. Ha tempi giusti, sguardo obliquo, pause perfette. Frasi brevi, ad effetto, viene da pensare subito. Ma, poi, capisci che hanno un contenuto: sono il frutto di una riflessione profonda su se stesso e di consapevolezze raggiunte con impegno, probabilmente.

“L’Handbike mi permette di essere un sognatore. Ho trovato una sfida avvincente, perchè ho trovato ragazzi molto preparati, che prendono la loro attività con grandissima passione ed impegno. Che amano il lunedì di allenamento almeno al pari di ciò che avviene la domenica pomeriggio”.

Zanardi ha il ruolo del campione. Campione che è stato, campione che sa di essere oggi e campione che sarà in futuro. E’ sicuro di se’.  A volte, nella conversazione, butta là qualche finta incertezza per non esibire eccessiva personalità. Non vuole apparire presuntuoso, con il risultato di mostrarti la sua doppia forza. E grande grinta.

“Nell’Handbike non ci sono le tentazioni tipiche, dove la grandissima esposizione offre anche opportunità interessanti nel guadagno, ma può cambiare molto facilmente le persone in peggio… può essere una grandissima opportunità, ma anche un’insidia”.

Da vero campione,  Zanardi non rimpiange il passato, ma trova la sua dimensione nel presente, vivendolo al meglio e costruendo il futuro.

“Il giorno del mio incidente la mia vita è entrata in un binario parallelo, che mi ha dato possibilità che hanno poi creato la mia nuova vita… oggi, francamente, tornare indietro sarebbe complicato… se apparisse il genietto della lampada, mi gratterei la testa più volte…”.

E’ ironico, attento a misurare le parole, finchè non si lascia andare a risate liberatorie nei momenti più impensati. Come quando gli si chiede della sua famiglia di origine.

“Ricordo quando papà mi diceva di pulire gli attrezzi, ed io dicevo: non lo posso fare domani? No. E lui andava al bar. Metteva alla prova la mia passione in quel modo, rafforzandola tantissimo. Quando prendo in mano un attrezzo rivedo le mani di mio padre. Questà è la speranza: che anche mio figlio, che ha un atteggiamento così refrattario quando cerco di insegnargli qualcosa, apprenda queste esperienze”

(Ride divertito)

“L’ho portato in handbike ed è una ganzeria, perchè… ho costruito una handbike per lui e siamo andati a fare un giro assieme: è stato bravissimo! Dopo s’è mangiato due piatti di pasta!”

(E ride)

Ti senti un esempio positivo per le persone?

“Sembro un po’ l’unico ad aver fatto delle cose, quando in realtà basterebbe avere occhi per vedere. Ci sono uomini che si svegliano all’alba e fanno lavori faticosissimi per sfamare la famiglia. Questi per me sono eroi”.

Famiglia semplice, papà idraulico e mamma casalinga (ma sarta notturna per arrotondare). Quali valori hanno trasmesso ad Alex?

“Riuscire nel modo migliore a fare quello che mio padre mi ha sempre insegnato:  aggiungere, prendere ogni giornata come un’opportunità per raggiungere qualcosa, partendo da dove sei. Ogni giorno può essere un’occasione per aggiungere qualcosa a ciò che hai già fatto”.

Concetti solo apparentemente semplici, sdrammatizzati dal melodico accento bolognese. Zanardi non tradisce la sua ambizione per le Paralimpiadi, ma non rinuncia neppure all’autoironia e a quella sua falsa modestia di uomo intelligente.

“Penso di poter ambire ad un risultato che, per un 45enne che sfida 20enni, sarebbe di grandissimo prestigio. Mi alleno praticamente tutti i giorni. E’ molto curioso, perchè il mio allenatore ha 16 anni meno di me. Come dice mia moglie: ti batti contro ogni pronostico!”

Alex ha due profili (estetici). Uno più deciso, uno più delicato. Ci scherziamo su e ci facciamo delle risate. Fino a che non gli chiedo, a bruciapelo, quello che potrebbe sembrare scontato e a cui si potrebbe rispondere con retorica: ma tu, rivorresti le gambe?

Eppure, lo scambio è autentico.

“Non rimpiangerei mai di aver perso le gambe. Tra poter vivere gli ultimi 10 anni e riavere le gambe, io mi prenderei i 10 anni. Quante cose in più posso fare in questa vita…”

Un inno alla vita e alla forza interiore. Per tutti. Ed è proprio di oggi la notizia che Pistorius parteciperà alle Olimpiadi di Londra. Questa volta tra gli atleti normodotati.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici !

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.