Su di me

Giornalista professionista. Dal 2002 al Tg1, prima ad Uno Mattina, poi come inviata a Tv7 – Speciali, ora nella redazione Ambiente – Socfoto isabellaietà.

Appassionata di inchieste ambientali, sociali e di storie di vita.

Sono laureata in Sociologia a La Sapienza di Roma, specializzata in Giornalismo alla Luiss Guido Carli e ho frequentato un corso di perfezionamento per inviati in aree di crisi della Fondazione Cutuli, che mi ha portato in Libano e in Kosovo con l’esercito.

Ho iniziato a lavorare presto nelle radio e nelle tv locali, ho scritto per l’Ansaweb, per Redattore Sociale e per il Gruppo L’Espresso, mossa anche dalla passione per la multimedialità e l’online. Ho avuto il primo contratto in Rai al Giornale Radio, ho lavorato nella redazione Esteri del Tg2 e a Rai Educational, quando ero ancora universitaria.

Ho condotto la rubrica Tendenze del Tg1.

Ho vinto il Premio Luchetta Hrovatin nel 2006, con un’inchiesta sulla droga a Scampia. Ho ricevuto nel 2016 il Premio Pentapolis – Giornalisti per la Sostenibilità, in collaborazione con Ispra, Ministero dell’Ambiente, Lumsa e FNSI. A maggio 2017 un mio servizio sul riconoscimento delle unioni civili è stato premiato da Diversity Media Awards, grazie al lavoro dell’Osservatorio di Pavia, come miglior servizio andato in onda sulla diversità.

Ho realizzato due documentari autoprodotti in Africa, di cui uno girato con lo smartphone, andati in onda su Rai Uno.

A giugno 2017 è uscito il mio romanzo d’esordio, Lunavulcano (Lastaria Edizioni), i cui diritti d’autore sono devoluti in beneficenza in Africa (per informazioni potete contattarmi sul blog o anche sulla mia pagina Facebook). A settembre 2017 Lunavulcano ha vinto il PremioUn libro per il cinema, dedicato alla memoria di Paolo Villaggio, organizzato dall’Isola del Cinema di Roma.

Ho insegnato “Teoria e tecnica del linguaggio televisivo” all’Università di Tor Vergata e ho ricoperto il ruolo di docente, per i giornalisti, nel processo di digitalizzazione del Tg1.

 

blogpizap.com14204744763401Perché un blog? Viaggiando molto, raccolgo materiale, vedo e vivo situazioni, che non si esauriscono nel minuto televisivo. Per passione, per divertimento, per masochismo (visto che spesso mi riduco la notte a scrivere…). Perché anche la mia alimentazione, un po’ come me, è mutevole: sono stata vegetariana, vegana, poi sono arrivate le intolleranze alimentari ed è rimasta la passione per il biologico e i cibi naturali.

Si può seguire Sgrunt! anche da Facebook. Cliccando ‘mi piace’ qui, si verrà automaticamente aggiornati ogni volta che esce un articolo.

7 pensieri riguardo “Su di me

  1. Salve,
    scusi se la contatto cosi’ a crudo ma mi ha fatto il suo nome la sua collega Barbara.

    spero possa aiutarmi :

    posso chiederle una info?

    Ho organizzato per l’11 settembre un evento digitale per disabili in campidoglio.
    Saranno presenti industriali, isitituzioni, associazioni ecc.. con la partecipazione mondiale di facebook.

    http://www.cuoredigitaleroma.org

  2. Buongiorno Isabella,
    sono Mauro Sgarbi, l’artista del Santa Maria della Pietà, con il quale ha scambiato due chiacchiere dopo la discussione, di cui le chiedo ancora scusa a nome mio e di molti altri colleghi che nulla c’entrano. Detto questo, visto il suo interesse per la street art come strumento di sensibilizzazione, volevo segnalarle (se in qualche modo può interessarla) un mio lavoro all’Esquilino e che sarà oggetto di visita guidata all’interno del festival Esquilindo che si propone l’obiettivo di riqualifica del quartiere. Essendo anche Il quartiere più multietnico di Roma, l’iniziativa oltre a puntare sulla riqualifica ambientale, punta anche ad una maggiore comprensione di integrazione tra culture e popoli ed è proprio su questo tema che ho dipinto il mio murales (ho dipinto Dante Alighieri che guarda negli occhi una studentessa senegalese della Casa dei Diritti Sociali). Venerdì 20, al termine del giro, alle ore 16:00 risponderò alle domande sul murales che il pubblico vorrà farmi.
    Se le dovesse in qualche modo interessare la cosa, le lascio il mio recapito 3345984520
    A questo link trova il programma del festival Esquilindo: https://ilcantooscuro.wordpress.com/2015/11/15/esquilindo-e-cominciato/
    La ringrazio comunque in anticipo del tempo che potrà dedicarmi sperando di sentirla,
    Cordiali Saluti
    Mauro Sgarbi

  3. Sono Mirella Buti ..piacere di conoscerla!
    Sono consigliera di A.P.I.C.E.
    Una associazione di Gran Canaria..
    La contatto a nome del presidente della suddetta associazione.che è-:(.Associazione Pensionati.Italiani.Connazionali Estero.)
    Giuseppe Bucceri ..è il presidente.
    Ci farebbe molto piacere far conoscere la nostra associazione ..no- profit…tramite Lei ..in Italia …se possibile….
    Molte grazie per il suo tempo.
    Un saluto
    Buti Mirella

  4. Mi spiega come è possibile fare la giornalista quando si confondono gli aggettivi “cinefilo” e cinofilo”? Stasera, 6 agosto 2017, al tg1 delle 20, nel suo servizio “caldo, afa e campeggio 2.0”, parlando di una spiaggia a misura di cani ha detto che esiste anche la possibilità di avere un “educatore cinefilo”. E’ incredibile, non sapevo che i cani fossero interessati al cinema! Complimenti!

    1. Cara Signora,
      e’ evidente che sia stato un errore di distrazione, di cui comunque mi assumo la responsabilità.
      Ciò che, però, mi colpisce oltremodo è il livore con il quale ci si scagli contro gli altri, senza alcun rispetto e senza neppure considerare il loro livello professionale (il mio curriculum e le mie numerose inchieste, nonché i premi vinti, parlano da sé).
      D’altronde, solo chi non lavora non sbaglia. E tra la stanchezza delle trasferta, il caldo spossante e i ritmi forsennati, sa, purtroppo può capitare anche ai più attenti.
      Spero lei abbia più pietà di se stessa quando commette degli errori.
      Le auguro serena vacanze.
      E, se dovesse trovare refusi, perdoni, ma scrivo da uno smartphone durante le mie ferie.

Lascia un commento