“La vita ogni giorno ci mette davanti a sfide. Ma nel momento in cui capiamo che siamo responsabili delle nostre azioni e dei nostri risultati ci rendiamo conto che siamo noi a decidere quando e come essere felici”. Massimiliano parla con decisione. Oramai ci è abituato. Va in giro per l’Italia a portare la sua esperienza. Costretto dalla nascita sulla sedia a rotelle, a causa di una malformazione agli arti (la focomelia), conosce il significato della parola sofferenza. Ma altrettanto bene, se non di più, conosce anche quello delle parole forza, coraggio, determinazione. Quella che lo ha portato ad affrontare a testa alta le sfide della vita. Non guiderai, gli dicevano. Ed invece Max non solo guida, ma pratica anche diversi sport, vive da solo, fa la spesa. La sua autonomia se l’è conquistata giorno dopo giorno, anche grazie all’incoraggiamento dei genitori.

“Quando ti rendi conto che tutto ciò che ti circonda dipende da te e che prima trovi dentro di te le risorse e meno avrai necessità di trovarle all’esterno, allora puoi essere libero e felice di stare negli ambienti – afferma con sicurezza, come chi è abituato a parlare spesso di questi temi –  perché non dipendi da essi, ma li condizioni positivamente”. Da piccolo Max è stato vittima di bullismo. Veniva preso in giro per la sua disabilità. E’ cresciuto pensando di dover dimostrare agli altri chi fosse. Ma la verità che porta con sé è che siamo noi a dare agli altri il permesso di maltrattarci, ferirci, mortificarci. E lo facciamo quando ci identifichiamo con i loro pensieri e giudizi su di noi, quando crediamo nelle loro parole. Oggi, fermo nelle sicurezze interiori costruite con salda tenacia, Massimiliano aiuta le persone a riscoprire quella parte di loro che per troppo tempo hanno tenuto soffocata. Tra i concetti che cerca di trasmettere, in cima c’è quello che tutti possono essere felici e che nella vita le situazioni difficili accadono per insegnarci sempre qualcosa.

“Ognuno di noi nasce con un talento, una missione in questa terra: prima la capisci, prima puoi essere felice”, ripete spesso sorridendo, con gli occhi che si illuminano di consapevolezza e gioia di dare. A riempirlo di luce è la sicurezza di aver compreso la propria missione. Di aver accettato il proprio percorso e averlo messo a disposizione degli altri. Non a caso, il suo motto è Noexcuses. Niente scuse. Perché la sua testimonianza racconta da sé che tutte le sfide possono essere trasformate in un dono, a prescindere da quanto possano essere o apparire insormontabili. E che, solo capendo davvero le proprie inclinazioni e la propria missione nel mondo, si può essere felici: “Chi siamo possiamo saperlo solo noi e non farcelo dire dall’esterno”, afferma con decisione.

Massimiliano conosce la sofferenza, fisica ed interiore. Gli sguardi delle persone, il pietismo, il bullismo, la paura di essere giudicato inferiore e non all’altezza quando era bambino. Poi, la separazione dei suoi genitori a 14 anni. Uno stato di prostrazione da cui si è risollevato dedicandosi al mondo dei videogiochi. E’ proprio conquistando il titolo di campione del mondo che decide di trasformare la propria esistenza. Di non lasciarsi condizionare dai giudizi degli altri. Ha così imparato a prendere confidenza con le proprie emozioni. A non alimentare la paura, quando sopravviene. A saperla riconoscere come tale e non come la realtà.   

“Quante volte avete vissuto con delle paure per situazioni che non si sono mai avverate?”, chiede Massimiliano agli ospiti in sala. Le braccia si sollevano numerose. C’è chi ride e chi, invece, si fa pensieroso. 

Max parla e si muove velocemente sulla sua carrozzina. Il messaggio è potente e qualcuno, in sala, non trattiene le lacrime. Quando arriva il momento della meditazione guidata, si abbassano le luci, una melodia accompagna il respiro e le parole. Al termine, gli spettatori si ritroveranno ad abbracciarsi. Qualcuno piange. Si è aperto quel canale su cui Max ha lavorato duramente. Qualche muro interiore è stato abbattuto. Nessuna scusa.  

Scritto da:

Isabella Schiavone

Giornalista professionista. Dal 2002 al Tg1, prima ad Uno Mattina, poi come inviata a Tv7 – Speciali, ora nella redazione Ambiente – Società come Caposervizio.

Appassionata di inchieste sociali, ambientali e di storie di vita. Impegnata nel terzo settore.

Sono laureata in Sociologia a La Sapienza di Roma, specializzata in Giornalismo alla Luiss Guido Carli e ho frequentato un corso di perfezionamento per inviati in aree di crisi della Fondazione Cutuli, che mi ha portato in Libano e in Kosovo con l’esercito.

Ho iniziato a lavorare presto nelle radio e nelle tv locali, ho scritto per l’Ansaweb, per Redattore Sociale e per il Gruppo L’Espresso, mossa anche dalla passione per la multimedialità e l’online. Ho avuto il primo contratto in Rai al Giornale Radio, ho lavorato nella redazione Esteri del Tg2 e a Rai Educational, quando ero ancora universitaria.

Ho condotto la rubrica Tendenze del Tg1.

Ho vinto il Premio Luchetta Hrovatin nel 2006, con un’inchiesta sulla droga a Scampia. Ho ricevuto nel 2016 il Premio Pentapolis – Giornalisti per la Sostenibilità, in collaborazione con Ispra, Ministero dell’Ambiente, Lumsa e FNSI. A maggio 2017 un mio servizio sul riconoscimento delle unioni civili è stato premiato da Diversity Media Awards, grazie al lavoro dell’Osservatorio di Pavia, come miglior servizio andato in onda sulla diversità. A settembre 2018 ho ricevuto il Premio Responsabilità Sociale Amato Lamberti nella categoria giornalismo. A maggio 2019 un mio servizio sull’autismo è stato candidato ai Diversity Media Awards. Da maggio 2022 sono Ambasciatrice Telefono Rosa per l'impegno in difesa dei diritti delle donne e a sostegno dei minori.

Amo e frequento l’Africa, dove ho realizzato due documentari autoprodotti, di cui uno girato con lo smartphone, andati in onda su Rai Uno.

A giugno 2017 è uscito il mio romanzo d’esordio, proposto al Premio Strega 2018, Lunavulcano (Lastaria Edizioni), i cui diritti d’autore sono devoluti in beneficenza in Africa (per informazioni potete contattarmi sul blog o anche sulla mia pagina Facebook). A settembre 2017 Lunavulcano ha vinto il Premio “Un libro per il cinema“, dedicato alla memoria di Paolo Villaggio, organizzato dall’Isola del Cinema di Roma.

A settembre 2020 è uscito Fiori di Mango (Lastaria Edizioni), proposto al Premio Strega 2021.

Ho insegnato “Teoria e tecnica del linguaggio televisivo” all’Università di Tor Vergata e ho ricoperto il ruolo di docente, per i giornalisti, nel processo di digitalizzazione del Tg1.

Sono Istruttrice certificata Mindfulness (o pratica dell’attenzione consapevole) e protocollo Mbsr (Mindfulness Based Stress Reduction) con diploma rilasciato da Sapienza Università di Roma e dal Center for Mindfulness della University of California of San Diego nell’ambito del Master universitario di II livello “Mindfulness: pratica, clinica e neuroscienze”. Pratico meditazione Vipassana dal 2013, con esperienze di intensivi e ritiri residenziali. Dal 2019 pratico anche il Tai Chi Chuan stile Yang.

Appassionata di cucina naturale e biologica, a causa di molte intolleranze ho un'alimentazione molto controllata e quasi del tutto priva di prodotti di origine animale. Qui condivido molte ricette che ho sperimentato negli anni, adatte a vegani, vegetariani, celiaci, a chi soffre di intolleranze varie e a chi è a dieta.